Post Recenti

CERCA

martedì 24 febbraio 2015

Screening di massa per avere sempre più “malati” senza sintomi?

In Italia sono più di cinque milioni gli esami che si effettuano per gli screening, cioè per quei controlli strumentali e di laboratorio su persone che non hanno alcun sintomo ma che potrebbero essere inserite lo stesso nelle fila dei “malati” qualora emergesse qualche valore particolare. Ma un numero sempre maggiore di studi sostiene che non solo tutto ciò non è utile, ma espone al rischio di sovra-trattamenti persino dannosi


Nel nostro paese sono più di cinque milioni gli esami che si eseguono per gli screening sulla popolazione, programmi che sempre più spesso trasformano individui sani in pazienti. A dirlo è anche l’International Journal of Epidemiology, che ha pubblicato uno studio secondo cui «tra gli screening attualmente disponibili per le varie malattie per le quali uno degli esiti può essere la morte, la riduzione della mortalità specifica per quella malattia è rara e la riduzione della mortalità per tutte le cause è inesistente».
Le campagne massicce di sensibilizzazione sono quasi sempre finanziate dalle industrie che inducono malattie con i loro prodotti o che ottengono profitti dalla diagnosi e dal trattamento di nuovi casi.
Di fatto, i programmi di screening promettono di salvare vite individuando precocemente segnali di eventuali malattie, ma è completamente sbagliato parlare di prevenzione. La prevenzione è tutta un’altra cosa: è attuare comportamenti e condotte che prevengano l’insorgere della malattia, come ad esempio la modifica degli stili di vita e dell’alimentazione, la detossificazione, la riduzione dello stress, nessuno dei quali richiede interventi medici o diagnostici. Quando, ad esempio, si parla di cancro, la prevenzione si fa evitando l’esposizione alle sostanze cancerogene, ma questo non rientra mai nei programmi di screening. Si pensi, peraltro, che gli stessi trattamenti convenzionali per il cancro, quali la chemioterapia e la radioterapia, sono cancerogeni poiché possono generare tumori secondari (si legga per esempio il foglietto illustrativodi uno degli antineoplastici a base di ciclofosfamide  ogli effetti dei trattamenti radioterapici).
Gli screening, oltre a non ridurre la mortalità, possono anche portare a falsi-positivi e possono aumentare per esempio il rischio di tumore nelle donne che si sottopongono regolarmente a mammografia, esame che utilizza i raggi X. Grande anche il rischio di sovra-diagnosi con conseguenti trattamenti inutili o persino dannosi poiché vengono rilevate lesioni o piccoli segni minimali e non dannosi che vengono trattati come se invece lo fossero.


Insomma, nei programmi di screening si investono molti soldi ed energie, sebbene le nuove meta-analisi lascino ben comprendere come la loro utilità sia inesistente o quanto meno dubbia. L’unica arma che le persone hanno in mano per preservare veramente la propria salute, oggi, è informarsi attivamente, verificare tutto, approfondire, sviluppare senso critico e infine decidere. Non c’è libera decisione o libertà di decidere senza informazione.

Nessun commento:

Posta un commento

Printfriendly

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...