Post Recenti

CERCA

martedì 7 aprile 2015

Dieta GAPS e metodo Buteyko, un'esperienza personale ed alcune informazioni


Tratto dal racconto di una esperienza personale
Da non confondersi con un'indicazione terapeutica
Non si sostituisce assolutamente il consulto del proprio medico curante





Da 8 giorni ormai non mangio né cereali né pseudo-cerali (chinoa, amaranto, grano saraceno) né amidacei (patate, patate americane, tapioca). Essenzialmente mangio frutta e verdura cruda con pochissimi strappi (ogni 3/4 giorni un uovo alla coque, rigorosamente di allevamento non industriale).

Insomma sto seguendo una sorta di dieta GAPS .
A mio sentire i risultati dopo pochi giorni sono positivi ed entusiasmanti. Tanti piccoli o grandi fastidi che avevo in questi ultimi tempi stanno scomparendo con grande rapidità, e spero di debellare definitivamente anche l'allergia da polline che mi affligge da 30 anni.
Al momento associo a questa dieta anche fermenti lattici (proflora in bustine), crauti biologici (una delizia nelle insalate) e prossimamente mi procurerò anche integratori di Saccharomyces Boulardii (serve anche a contrastare la candida), nonché le alghe rosse chondrus crispus che puliscono meccanicamente l’intestino.
Tra l’altro ho appena risolto (quasi del tutto) i miei problemi di pressione bassa con gli esercizi di respirazione del metodo Buteyko, eccezionale medico russo che ha curato oltre 100.000 pazienti sofferenti di asma e altre malattie concausate da una cattiva ossigenazione dei tessuti e degli organi. E sono deciso a continuare questi semplici esercizi che dovrebbero contribuire anche a ridurre i sintomi dell'allergia, secondo quando affermano gli specialisti.
Devo dire che in questi mesi avevo provato più volte la dieta crudista, ma ho dovuto abbandonarla sempre perché mi generava un ulteriore abbassamento di pressione fino a stare davvero male.

Adesso però so come gestire la respirazione per ossigenare i tessuti del mio corpo e finalmente non ho più problemi di pressione e posso gestire tranquillamente anche le mie scelte alimentari.

Gli esercizi di respirazione del metodo Buteyko che ho messo in pratica sono semplicissimi. Li faccio da un mese ed ho regolarizzato la mia pressione (io per fortuna ce l'avevo bassa).

Un esercizio semplicissimo è la respirazione quadrata:
- inspirare respirare lentamente per x secondi (x= 3/4/5)
- trattenere il respiro per x secondi
- espirare per x secondi
- trattenere il respiro per x secondi
La respirazione dovrebbe essere diaframmatica.

L'esercizio precedente si può modificare facendo sì che le durate di ogni movimento siano libere, purchè si trattenga il respiro per un po' dopo l'inspirazione e dopo l'ispirazione
Per esempio puo' andare bene anche:
- inspirare respirare lentamente per 3 secondi
- trattenere il respiro per 4 secondi
- espirare in 3 secondi
- trattenere il respiro per 2 secondi 

Io ripeto questi semplici esercizi 2/3 volte per 5 minuti circa, e gli esercizi si possono fare durante qualsiasi pausa anche forzata come quando si aspetta alla cassa di un supermercato o in qualsiasi altro frangente in cui si è costretti ad aspettare ... insomma il tempo si trova ed i benefici si vedono piano piano. Il professor  Buteyko ha affermato che serve un mese di esercizi per recuperare una malattia che dura da un anno, e tanti mesi di esercizi per guarire per ogni anno di malattia (sempre che si tratti di un disturbo curabile con questo metodo).
Per avere risultati positivi dalle tecniche di respirazione messe a punto dal professor Buteyko occorre a suo dire:
a) respirare SEMPRE col naso ANCHE DI NOTTE (eventualmente mettendo un cerotto sanitario sulla      bocca per qualche tempo, cosa che ovviamente va fatta con le dovute precauzioni su un bambino)
b) fare attenzione a respirare col naso anche quando si parla 
c) possibilmente dormire sul fianco sinistro (un trucco per abituarsi a farlo è appiccicare con il nastro adesivo una pallina da tennis al retro del pigiama).
Eventualmente se serve ad aiutare a dormire con la bocca chiusa si possono usare due cuscini per sollevare un po' di più la testa (ma occorre anche trovare una posizione comoda ed ergonomica, altrimenti si risolve un problema e se ne crea un altro alla schiena).
 
La dottoressa Fiama Ferraro, che pratica diffonde il metodo Buteyko in Italia, ricorda che ci sono particolari patologie per le quali il metodo Buteyko non puo' fare niente ed altre per le quali non si può applicare se non stto la supervisione di un istruttore esperto. Ci sono anche casi di particolari malattie gravi in cui l'applicazione del metodo Buteyko è sconsigliata.
 
Un elenco parziale delle malattie guarite con la dieta GAPS brevettata dalla dottoressa Campbell è il seguente:

Dipendenzadisturbo dell'attenzione/iperattività, alcoolismo, allergie, anemia, anoressia ansietà artrite asma, problemi autoimmuni (inclusa quindi sclerosi multipla), infezioni da candida e da altri lieviti, colite, costipazione, morbo di Crohn, cistite, problemi dentali, depressione, disordini digestivi, dislessia, infezioni auricolari, eczema, epilessia, intolleranze alimentari, FPIES (Sindrome da enterocolite indotta dalle proteine del cibo), riflusso gastro-esofage, febbre da fieno perdita di capelli, mal di testa, iperattività, problemi di cuore, sindrome dell'intestino irritabile, infertilità, malattia di Kawasaki, Lupus, problei mestruali, cefalea, narcolessia, disturbo ossessivo compulsivo, PANDAS (Disordine autoimmune pediatrico associato con infezione da strptococchi), attacchi di panico, PDD-NOS (disordine dello sviluppo pervasivo non altrimenti specificato), PMS (sindrome pre-estruale), psoriasi, riflusso, rosacea, schizofrenia, sinusite, apnea durante il sonno, insonnia, tantrums, problemi alla tiroide, tic, colite ulcerosa, problemi urinari, vomito.

Lettura consigliata: Attacco all'asma ... e non solo scritto dalla dottoressa Fiamma Ferraro

Nessun commento:

Posta un commento

Printfriendly

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...