Post Recenti

CERCA

domenica 12 aprile 2015

Kamut SI ….. Kamut NO !!!!!


Ha buone proprietà nutrizionali ed è eccellente per la pastificazione, ma non è stato “risvegliato” da una tomba egizia e non è adatto ai celiaci. Inoltre viene coltivato e venduto in regime di monopolio, ha un costo eccessivo ed un pesante impatto ecologico.
“Kamut” non è il nome di un grano, ma il marchio commerciale che la società Kamut International ltd(K.Int.) ha posto su una varietà di frumento, il grano Khorasan, registrata negli Stati Uniti con la sigla QK-77, coltivata e venduta in regime di monopolio e famoso in tutto il mondo grazie ad un’operazione di marketing senza precedenti.

Viene chiamato addirittura “grano del faraone” perché si racconta che i suoi semi sono stati ritrovati intorno alla metà del secolo scorso in una tomba egizia ed inviati nel Montana, dove dopo migliaia di anni sono stati “risvegliati” e moltiplicati.
Il frumento prodotto e venduto con il marchio Kamut è coltivato negli Stati Uniti (Montana) e nel Canada (Alberta e Saskatchewan), sotto lo stretto controllo della famiglia Quinn, proprietaria della societàK.Int.; in Italia è importato solo da aziende autorizzate e può essere macinato solo da mulini autorizzati. Tutti i prodotti che portano il marchio sono preparati e venduti sotto licenza della K.Int e sotto il controllo della Kamut Enterprises of Europe

Il segreto del successo a livello di marketing, il kamut lo deve essenzialmente a:

la leggenda del suo ritrovamento - l’attribuzione di eccezionali qualità nutrizionali  un presunta compatibilità per gli intolleranti al glutine.
Il Kamut frumento rustico, con ampia adattabilità ambientale eccellente per la produzione di pasta. 
Esso, come ogni frumento che non sottoposto a miglioramento genetico, risulta essere più digeribile per coloro che soffrono di lievi allergie e intolleranze ma non riconducibili alla celiachia che ricordiamo essere un disturbo legato alla metabolizzazione del glutine. Si coltiva soprattutto “biologico” ed è un prodotto salutare come tantissimi altri, ma non ha proprietà che lo rendono così esageratamente eccelso come pubblicità vuole.
Non ha valori nutrizionali diversi da qualunque cereale duro o tenero che sia come vogliono farci credere. Inoltre è un monopolio commerciale che cerca di spacciarlo come una varietà di grano ma no lo è; ha un costo eccessivo superiore fino all'80% rispetto ai prodotti ottenuti con grani duri e teneri biologici e questo per il regime di monopolio e i costi di trasporto per la materia prima; ha dei costi in termini ecologici non indifferenti considerato che si produce dall'altra parte del mondo arrivando a noi attraverso una filiera di migliaia di chilometri.
Questo cereale viene spesso preferito a quelli più tradizionali perché i suoi chicchi sono di dimensioni maggiori e perché è considerato facilmente digeribile. Ogni 100 grammi sviluppa circa 350 calorie e ha una buona quantità di proteine e di fibre; inoltre, contiene alcuni importanti sali minerali, come il potassio ed il ferro. Il Kamut presenta un’alta percentuale di vitamina E e di vitamine del gruppo B, in particolare di riboflavina e piridossina; ha anche una buona quantità di beta carotene e di aminoacidi mentre è povero di grassi.

La germinabilità del frumento decade dopo pochi decenni, quindi anche se in condizioni ottimali di conservazione, la storia del presunto ritrovamento del Kamut solo una fantasiosa invenzione commerciale, eleborata per stimolare il desiderio di qualcosa di puro, antico ed esotico. Per quanto riguarda le caratteristiche nutritive si riscontra un contenuto proteico superiore alla media dei frumenti duri e teneri, buoni valori di beta-carotene e selenio; per le altre componenti qualitative e nutrizionali non ci sono differenze sostanziali rispetto agli altri frumenti. Quindi, come ogni frumento, il Khorasan è inadatto per l’alimentazione dei celiaci, perché contiene glutine in misura superiore a quella dei frumenti teneri ed a numerose varietà di frumento duro.

Grazie alla sua grande digeribilità e versatilità culinaria, il Kamut è ideale anche per i più piccoli e viene consigliato a chi ha necessità di assumere alimenti energizzanti.
Il Kamut si trova sia sottoforma di farina che di prodotti pronti; si possono acquistare vari formati di pasta ma anche pane e grissini. Con la farina si preparano sia ricette dolci che salate e i risultati sono di ottimo livello; infatti, sostituisce in maniera perfetta il riso o altri cereali. Come avviene per altri prodotti, è necessario che sia messo a bagno nell’acqua prima di procedere con la cottura; dopo averlo scolato ed eliminato l’acqua può essere cucinato in un gran numero di modi, comprese le classiche zuppe. C’è comunque un problema: il prezzo. Purtroppo infatti il Kamut è venduto a prezzi piuttosto proibitivi, gonfiati con la scusante dei costi di lavorazione …. ma soprattutto dal marketing!




Nessun commento:

Posta un commento

Printfriendly

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...