Post Recenti

CERCA

martedì 20 ottobre 2015

Vaccini? Meglio informarsi

Non bisogna di certo considerare la pertosse come malattia debellata: in Europa è ed è sempre stata molto presente; In Italia sono stati rilevati cicli naturali di epidemia di pertosse della durata di 4-5 anni, per esempio quelli avvenuti nel 1991, 1995 ed anche nel 2000, ma in quegli anni non ci fu nessuna psicosi di massa con tanto di accanimento nei confronti dei NON vaccinati! (i pediatri consigliavano di affrontarla come la normale influenza)

Lo scorso anno è stato addirittura messo in discussione il vaccino e la sua futura inefficacia in relazione al mutamento del batterio

Non curanti di quanto affermato nel recente passato, i media in questi giorni stanno distribuendo colpe, senza basi comprovate, generalizzando e accusando singoli casi specifici.
Risultato: famiglie contro famiglie, istituzioni contro cittadini, cittadini contro istituzioni.
Si stanno introducendo, finanche, leggi coercitive per obbligare alle vaccinazioni di massa.

Considerando le 5 Leggi Biologiche, bisogna tener presente che si sta vivendo la questione con panico esagerato, inoltre il fatto di doversi far iniettare obbligatoriamente una sostanza considerata nociva e percepita quindi come "pericolosa", porterà a lungo andare un'efficacia del vaccino.
L'odierna comunicazione si basa sull'aggressione e la paura di massa, mettendo da parte gli effetti devastanti che ne conseguono, poichè trascurano ciò che è alla base delle leggi biologiche: la percezione.

L’allarme lanciato nei giorni scorsi dall’ISS, dal Ministero della Salute e da altre istituzioni in ordine al timore di recrudescenza di certe patologie, in mancanza di dati oggettivi, appare come l’ennesimo caso di “terrorismo psicologico” teso ad indurre le famiglie a vaccinare i propri figli.
Nessuno promuove i vaccini per quel che sono: un agglomerato di mercurio, alluminio e formaldeide, che sono pericolosissimi per la salute e che negli anni hanno causato diverse morti tra neonati, bambini e adulti.
Siate consapevoli che dietro alle vaccinazioni c’è il grande business delle Big Pharma!
Nessuno dirà che di morbillo, rosolia, pertosse, orecchioni, varicella non si muore; che difterite e poliomelite sono scomparse; che il tetano non si prende con un chiodo arrugginito; che è meglio prendere l’influenza stagionale piuttosto che subire una vaccinazione.  
Alla fine degli anni 80 in Italia non esistevano i vaccini pediatrici e che i 30-40enni di oggi hanno avuto il morbillo, gli orecchioni, la varicella, la pertosse e sono sopravvissuti.
Sappiate che le vaccinazioni distruggono l’immunizzazione e rendono ancora più sensibili alle malattie! E che favoriscono l’insorgenza di patologie quali: tumori, epilessia, diabete, autismo, alzheimer, etc…
I vaccini hanno svolto un ruolo marginale nella storia della medicina e non sono stati i protagonisti principali della scomparsa di certe malattie, alcune sono scomparse da sé, altre sono scomparse da luoghi ove non vi era una sufficiente copertura vaccinale e molte altre ritornano in barba alla più fitta e attenta campagna vaccinale. Infondo, la stessa OMS, in epoche non sospette, ha affermato che il più grande successo nella storia della medicina è stato l’avvento dell’acqua potabile, seguito dalle fognature, dagli antibiotici [di cui oggi si abusa allegramente soprattutto nei bambini], mentre oggi, “stranamente”, si fa riferimento alle sole vaccinazioni.
L'obiettivo è tornare all’obbligo vaccinale, pena l’emarginazione scolastica e sociale, ma non si trascuri che l’Italia è un Paese tuttora rimproverato dalla comunità europea per essere uno degli ultimi a non aver ancora tolto formalmente l’obbligatorietà vaccinale, come invece hanno fatto in altri Paesi già da anni! … E in questi Paesi non si è mai verificata alcuna epidemia fasulla.
I trattamenti sanitari obbligatori vanno contro i diritti espressamente tutelati da numerosi articoli della Costituzione della Repubblica Italiana, da numerosi articoli della Costituzione dell’Unione Europea; dalla Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo e da  numerosi articoli di molti altri trattati internazionali.

Se prosegue questo clima non si fa altro che continuare ad affermare una subdola dittatura, quella moderna comandata da lobbies del farmaco che manovrano il potere governativo e il business sanitario sulla pelle delle persone … e qui non è più tollerabile la denigrazione delle capacità intellettive e genitoriali, pur di operare persuasione coatta e terrore. Qui si vanno a ledere la vita e i diritti di ciascun individuo!

Si sostiene che un medico debba agire in “Scienza e Coscienza”, pertanto se esso ritiene che i vaccini possano innescare effetti negativi o non siano indicati per un determinato individuo, ha il diritto costituzionale, professionale e morale di affermarlo; qualora non lo facesse, sarebbe semplicemente un automa programmato per eseguire un progetto stile “criminalità organizzata”.

Dal link sottostante si può scaricare il modulo per la "garanzia di sicurezza del medico riguardo ai vaccini". Una dichiarazione che finora non è mai stata sottoscritta da alcun medico.

ARTICOLI CORRELATI

Nessun commento:

Posta un commento

Printfriendly

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...