Post Recenti

CERCA

giovedì 19 novembre 2015

Scie Chimiche: dai 5 Stelle ai nuovi Troll




"La causa delle scie chimiche sono gli aeroplani col motore Volkswagen"

(Beppe Grillo, 24/9/2015)





Assolutamente non richiesto, Beppe Grillo ci dà un esempio di come opera la disinformazione di regime: prendere un tema drammatico anzi disumano, e normalizzarlo inserendolo in un contesto comico. Per chi ancora avesse dei dubbi sulla reale gestione/funzione del M5S (opposizione con-trollata), a dispetto dell'onestà e dell'impegno della grande maggioranza degli iscritti e dei votanti, compreso chi scrive.
Se solo volesse, Grillo potrebbe sfruttare la sua esposizione mediatica internazionale per denunciare pubblicamente questo crimine contro l'Umanità e fare i nomi dei responsabili, invece di normalizzarlo con battute di (dubbio) spirito. Basterebbe un video di 10 minuti, ma non lo farà mai, perché i responsabili sono gli stessi che lo hanno messo dov'è ora. Colgo l'occasione per ricordare che molti troll in rete usano la vicinanza al M5S per ottenere una sorta di 'patente di credibilità', uno schermo dietro cui nascondersi per esercitare al meglio la loro 'mission'.
Ultimamente sto notando lo stesso schema di like/appartenenza a gruppi 'misti' (pro e contro geoingegneria) di un certo tipo di troll, il 'FINTO POSSIBILISTA', che interviene nei gruppi con post 'descrittivi' senza foto, al massimo una decina di righe che spesso culminano in una domanda, apparentemente sensata ma in realtà mirata a distogliere l'attenzione dai veri scopi delle scie chimiche (per quanto mi riguarda, l'obiettivo principale è il controllo mentale / comportamentale / umorale delle persone attraverso le nanotecnologie). Sono ormai più di due anni che quotidianamente studio la geoingegneria da diversi punti di vista; negli ultimi mesi su richiesta di un caro amico sono diventato co-amministratore di un gruppo a tema, e ho potuto così approfondire le tecniche di disinformazione dei vari gruppi di trollaggio: provenienza geografica e ideologica, strategie di intervento e di like tra di loro, format dei commenti, pagine 'strategiche' cui fanno riferimento, apparati statali che li proteggono.
Essere admin mi ha dato modo di notare anche le ondate di iscrizioni dei troll, da chi vengono invitati e soprattutto da chi vengono prontamente (almeno fino al mio arrivo) accettati, che nel caso del mio gruppo è sempre la stessa persona. Ho cominciato a studiare quindi i meccanismi di iscrizione anche negli altri gruppi cui partecipo, e la conclusione è che molti di questi 100 gruppi sono infiltrati per quasi la metà del numero di iscritti. A volte metto dei 'post-esca', o commenti esca, per stanare questi delinquenti, che infatti nel tempo si palesano per quello che sono e la mission che devono compiere.
Soprattutto mi sono reso conto che i troll ricevono dei veri e propri input a livello internazionale (sono iscritto anche in diversi gruppi stranieri), quindi all'improvviso e dal nulla ci troveremo con lo stesso articolo-bufala (magari di un anno prima) spammato in tutti i gruppi e con gli stessi commenti sotto... tradotti in tutte le lingue. Ciò è davvero allucinante perché prevede una regia internazionale solidissima e molto molto intelligente, più una struttura organizzativa capillare che arriva fin nei gangli minimi della nostra società.
Il grosso del lavoro 'sporco' viene fatto da giovani reclutati all'interno delle facoltà tecnico-scientifiche delle università, cooptati da professori-baroni legati alla massoneria internazionale. Ci sono poi i troll di provenienza 'politica', foraggiati cioè sempre dallo Stato ma passando per la mangiatoia dei partiti: i piddini, quelli di destra, e quelli che appunto usano lo schermo del Movimento 5 Stelle per dotarsi di una 'patente' di credibilità... Altro criterio di distinzione dei troll è quello geografico: due zone in particolare (guardacaso fortemente condizionate dalla presenza della NATO) costituiscono un serbatoio di addetti alla disinformazione: Friuli-Veneto e Sardegna: in queste regioni la corrente 'nera' e indipendentista storicamente si è legata ai servizi segreti e oggi viene telecomandata ai fini dell'occultamento della verità, della manipolazione anche emotiva dei lettori con tecniche di PNL, e addirittura dell'intimidazione nei confronti degli attivisti genuini.
Per tutti questi motivi, il ruolo dell'admin nei nostri gruppi è importantissimo... basterebbe riflettere sul fatto che 'loro' spendono milioni per contrastare la nostra presa di coscienza e iniziativa, e se non fosse così importante non lo farebbero. E' fondamentale che nei gruppi italiani di riferimento ci sia la capacità di resistere ai tentativi di infiltraggio e di sottile manipolazione mentale che ultimamente stanno aumentando a ritmo esponenziale, e questo è possibile perché appunto diversi membri (e a volte admin) finti attivisti 'ad orologeria' stanno scoppiando, e mandando in confusione / sfiducia decine di persone che per anni li hanno seguiti ciecamente, certi della loro buona fede.
Articolo pubblicato sulla pagina facebook di Rosario Marciano'

Vedi anche

Nessun commento:

Posta un commento

Printfriendly

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...