Post Recenti

CERCA

domenica 3 gennaio 2016

IRISINA: l'ormone dello sport

Alla base dei benefici dell’attività sportiva c’è un ormone naturale

Risultati immagini per irisina
FOTO: consumatrici.it
Sostiene che questa scoperta rappresenta una pietra miliare nella comprensione di meccanismi biologici responsabili dell’effetto benefico dell’esercizio fisico su tutto l’organismo. Dalla ricerca è infatti emerso che l’irisina agisce direttamente sui tessuti adiposi, i depositi di grasso sottocute dovuti alle calorie in eccesso. I livelli di quest’ormone naturale si innalzano attraverso l’esercizio fisico.


L’irisina sembrerebbe in grado non solo di trasformare il grasso bianco in bruno, ma di migliorare la curva glicemica. 
Uno studio pubblicato su Cell Press ha verificato che l’irisina esiste per davvero e potrebbe essere anche dosato nel sangue. 

Il nostro studio conferma definitivamente il fatto che l’Irisina circola nel sangue degli esseri umani” ha spiegato Spiegelman, e il risultato è che l'ormone aumenta con l'esercizio fisico. Per effettuare gli esperimenti, si è utilizzata una tecnica chiamata "spettrometria di massa" con lo scopo di rilevare il Segnale Ata come indice per la produzione dell’irisina, mentre in precedenza veniva ricercato il Segnale Atg, non reperibile nell'essere umano. Cambiando metodo di ricerca, quindi, gli scienziati sono riusciti ad evidenziare la presenza dell'ormone in 10 pazienti di 25 anni.
Una proteina con un nuovo nome, Irisina, in onore della dea Iride, messaggera e portatrice dell’arcobaleno, è oggi oggetto di studio da parte di ricercatori americani, questo ormone naturale sarebbe il responsabile dei benefici che sono conseguenti ad un allenamento fisico. Tra l’altro è un ormone che potrebbe portare nuove acquisizioni su possibili trattamenti di malattie dismetaboliche quali il diabete e l’obesità. Bruce Spiegelman, biologo autore principale della ricerca
L'esperimento condotto dai ricercatori americani è consistito nel far praticare a 6 ragazzi 3 ore a settimana di attività fisica e per tre mesi. Al contrario, agli altri 4 volontari è stato chiesto di condurre una vita sedentaria e sempre per 12 settimane. Al termine dei 3 mesi previsti, si è scoperto che l'ormone irisina circola nel già sangue, ma a bassissime quantità; mentre aumenta con il praticare dello sport.
Negli individui sedentari, la concentrazione dell'irsina nel sangue era di 3,6 nanogrammi per ml mentre, nelle persone che avevano praticato regolarmente attività sportiva, la concentrazione era di 4,3 nanogrammi per ml. La quantità potrebbe essere considerata molto bassa, ma è paragonabile a quelle di altri ormoni importanti come l'insulina e a ragione si può dichiarare che l'ormone venga regolato dell'attività fisica, così che più sport si pratica, più irisina verrà prodotta.


Nessun commento:

Posta un commento

Printfriendly

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...