Post Recenti

CERCA

giovedì 18 agosto 2016

Gesù era celibe?

Come in un romanzo di Dan Brown si torna a parlare dell’ormai famoso «papiro della moglie di Gesù» un antico papiro che un collezionista tedesco avrebbe inviato nel 2011 a una professoressa di Harvard, Karen L. King, chiedendole di tradurne una parte in cui si leggerebbe la frase «Gesù disse, ‘Mia moglie’», una frase che riaprirebbe il dibattito sul celibato di Cristo. Un anno e mezzo fa gli esperti, annunciando al mondo l’esistenza dell’antico papiro, avevano affermato che il reperto non sarebbe stato da considerarsi una prova attendibile, mentre il Vaticano aveva liquidato la faccenda parlando di un falso. Ma oggi arriva un nuovo studio che potrebbe completamente ribaltare lo scenario.
da ricerca google immagini

IL PAPIRO NON È UN FALSO - Un articolo pubblicato dalla Harvard Theological Review, firmato dalla stessa King, dimostrerebbe che quel papiro sarebbe un documento autentico e che farebbe parte di un dibattito dei primissimi seguaci di Gesù sul ruolo della donna, della famiglia e del valore del celibato nella vita spirituale. Sul papiro sono state condotte diverse analisi, tra cui un esame del carbonio che daterebbe il documento come risalente all’Ottavo secolo dopo Cristo. Il papiro sarebbe quindi di quattrocento anni più recente di quanto inizialmente pensato dalla King, che in un primo momento lo aveva datato intorno al 350 d.C.. Gli altri test effettuati hanno rilevato come l’inchiostro sia quello tipicamente utilizzato dagli egizi e che non è stato contraffatto né alterato nel corso dei secoli.
GESÙ ERA SPOSATO? - Insomma, sebbene il «papiro della moglie di Gesù» sembrerebbe essere autentico, questo non significa che Gesù fosse realmente stato sposato, che avesse auto una relazione con una donna o che, forse, non stesse parlando metaforicamente della Chiesa come della sua sposa. Dal canto suo la King non ha mai affermato questo, ma ha sempre sostenuto che il papiro sarebbe stato scritto parecchio tempo dopo i Vangeli, che sono da considerarsi le fonti più attendibili sulla vita di Gesù. «Spero che ora potremmo chiudere la diatriba sull’autenticità del papiro e passare a discutere di quello che potrebbe significare per i cristiani: Gesù era sposato oppure no? E perché questo è così importante per chi crede?» – ha detto la King che alla Harvard Divinity School tiene è docente di Storia del Cristianesimo antico.
UN DOCUMENTO IMPORTANTE - Karen King ha iniziato a lavorare su quel papiro nel 2011, dopo averlo ricevuto da un collezionista tedesco, che ha chiesto di rimanere anonimo, celando anche la provenienza del reperto. Nel documento, scritto in un antico dialetto copto, si leggono due frasi molto particolari: «E Gesù disse loro: ‘Mia moglie’» e, di seguito, «ella potrà essere mia discepola». La traduzione, comunque, può essere soggetta a diverse interpretazioni e il tema del celibato di Gesù è dibattuto da secoli. Secondo la King questo papiro sarebbe stato tradotto da un antico testo greco risalente al II secolo e costituisce comunque un tassello importante per lo studio della diffusione del Cristianesimo in tutta l’area mediterranea.

Nessun commento:

Posta un commento

Printfriendly

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...