Post Recenti

CERCA

mercoledì 14 marzo 2018

L'esperienza ai confini della morte di Anita Moorjarin

Nel mese di aprile del 2002, i medici fecero ad Anita Moorjarin, una dirigente di successo di origine indiana che lavorava a Hong Kong, una diagnosi medica che cancellò il suo lavoro di successo e cambiò la sua vita. Soffriva del “linfoma di Hodgkin”, un tipo aggressivo di cancro che attacca il sistema linfatico del corpo.Quattro anni dopo, nonostante i trattamenti medici, il cancro di Anita, invece di regredire, avanzò implacabilmente. La donna si muoveva su una sedia a rotelle e aveva bisogno di un serbatoio di ossigeno per respirare e ogni nuovo giorno la sua salute peggiorava. Tanto che nel febbraio 2006 la donna è entrata in coma. I medici, dopo averla esaminata, dissero ai suoi parenti che, con un po ‘di fortuna, aveva circa 36 ore di vita.

In quelle fatidiche ore Anita Moorjarin iniziò a sperimentare quella che è conosciuta come esperienza NDE o pre-morte, cioè, vide se stessa sdraiata quasi senza vita nel letto d’ospedale, circondata da medici, suo marito Danny e la sua defunta madre.
“Ero su una soglia tra coscienza e incoscienza, ma improvvisamente sentivo che il mio spirito non era più nel mio corpo. Mi sentivo davvero bene, ma potevo vedere e sentire come il dottore diceva a Danny: “Il cuore di sua moglie può continuare a battere, ma lei non è più qui. È troppo tardi per salvarla. I suoi organi non funzionano più ed è per questo che è caduta in coma. Non riuscirà a passare la notte. Tutto ciò che gli viene somministrato in questo stato può essere troppo tossico e fatale per il suo corpo, i suoi organi non funzionano nemmeno “.
Anita aggiunge che “mia madre e mio marito sembravano così spaventati che ho detto loro:” non piangere per me, sto bene “: pensavo che stavo dicendo quelle parole ad alta voce, ma nulla è stato udito. Non avevo voce. Volevo abbracciare mia madre e mio marito, confortarli e dirgli che stavo bene, che non sentivo alcun dolore, ma non capivo perché il mio corpo fisico giaceva lì, senza vita e senza energia. Ero ancora cosciente e lucida di ogni dettaglio che si stava svolgendo davanti a me, mentre guardavo l’equipe medica trasportare il mio corpo quasi senza vita nell’unità di terapia intensiva, connettendomi alle macchine e inserendo aghi e tubi. In quel momento non sentivo alcun attaccamento al mio corpo quasi inerte mentre giacevo nel letto d’ospedale. Non sentivo che fosse mio. Sembrava troppo piccolo e insignificante per contenere ciò che stavo vivendo. Mi sentivo libera, libera e magnifica. Ogni dolore, disagio, tristezza e sofferenza erano scomparsi. Ero totalmente priva di tristezza e dolore e non ricordavo di essermi mai sentita così prima.
Poi ho avuto una sensazione simultanea, di attraversare un’altra dimensione e di essere circondata o contenuta da qualcosa che posso solo descrivere come puro amore incondizionato; ma anche la parola amore non le rende giustizia. Era il modo più profondo per dare amore che non avevo mai sperimentato prima. Andava ben oltre qualsiasi forma di affetto fisico che potessi immaginare ed era incondizionato: era mio, non importa quello che avrei mai fatto. Non dovevo fare nulla o comportarmi in un certo modo per meritarla. Questo amore era per me, senza nulla che contasse. Mi sono sentita completamente immersa e rinnovata in questa energia che mi ha fatto sentire come se mi apparteneva lì, come se fosse finalmente arrivata dopo anni di lotta, il dolore, l’ansia e la paura. ”
In quel momento della sua NDE, Anita Marjoorin raccontava di sentirsi connessa a tutto, come se fosse tutto e tutto fosse lei. “È qualcosa di molto difficile da spiegare semplicemente perché le parole giuste non esistono. Molti esseri che erano già morti, incluso mio padre e il mio migliore amico, che era morto di cancro nello stesso anno in cui mi fu diagnosticata la malattia, mi circondarono. Non riconoscevo gli altri esseri, sapevo solo che mi amavano moltissimo e che mi proteggevano. Ho anche sperimentato un’estrema chiarezza del significato della vita, il grande schema delle cose e il motivo per cui ho avuto il cancro. Ho anche capito il dono che è la vita e le incredibili possibilità che noi, come esseri umani, siamo capaci di eseguire durante la nostra vita fisica “.
“Ho scoperto che noi stessi, con il nostro amore, l’atteggiamento e l’energia, abbiamo installato il paradiso o l’inferno sulla terra. Quindi il mio nuovo scopo ora sarebbe di vivere il paradiso in terra usando questa nuova comprensione, e anche di condividere questa conoscenza con le persone. Mi hanno fatto capire che non era il mio momento, che se avessi scelto di rimanere li, non avrei sperimentato molti dei doni che il resto della mia vita fisica aveva ancora per me. Ho anche capito che se avessi scelto di tornare, il mio corpo si sarebbe curato molto rapidamente, perché ho capito che le malattie iniziano a livello energetico prima che diventino fisiche “, ha detto.
Ha aggiunto che “se avessi scelto di tornare in vita, il cancro sarebbe scomparso e il mio corpo fisico si sarebbe ripristinato molto rapidamente. Ho capito che quando le persone hanno cure mediche per le malattie, si cura solo la malattia del loro corpo ma non la loro energia, quindi la malattia ritorna. Ho capito che se fossi tornata in vita, sarei tornata con una nuova energia, più sublime, sana e pura. Mi hanno mostrato che tutto ciò che accade nelle nostre vite dipendeva da questa grande energia che è intorno a noi e creata da noi. Grazie a questo grande amore incondizionato che ho sentito e che mi circondava, mi sono presto sentita molto potente e ho visualizzato un futuro in cui volevo tornare alla vita e superare il cancro in pochi giorni e che, contrariamente a ciò che avevano detto i dottori, avrei vissuto una vita molto lunga. ”
Mentre gli specialisti che si occupavano di Anita e dei loro familiari aspettavano l’inevitabile esito, improvvisamente accadde l’incredibile. Anita si svegliò dal coma, gradualmente riprese coscienza e iniziò a mostrare incoraggianti segnali di ripresa. I Medici, costernati, hanno immediatamente ordinato una serie di biopsie linfonodali e delle ossa del paziente, per valutare i progressi delle cellule tumorali e ordinare un chemioterapico immediato, ma non hanno trovato alcuna traccia della malattia. Anita Maorjorin, come dimostrato dagli esami, non aveva più il cancro.
“La prima volta che ho raggiunto un gruppo di persone dopo aver lasciato l’ospedale, tutti sono rimasti stupiti. Mi guardarono come se avessero visto un fantasma. Non potevano credere a come mi ero ripresa così in fretta, perché ognuno di loro pensava che sarei morta. Poi ho condiviso la mia esperienza e alcuni di loro mi hanno detto in seguito che avevo cambiato la loro vita. ”
Il caso insolito di Anita Marjoorin, che ancora non può essere spiegato dalla scienza medica, ha ispirato un libro scritto da lei stessa chiamato “Dying to be me” (“Sono morta per essere me stessa”), che ha causato un grande impatto nei circoli scientifici e questo è stato tradotto in più lingue.
“Avevo letto casi di Incontri ravvicinati della morte, ma non mi sarei mai aspettata di provarne uno. La mia NDE sembrava totalmente diversa da qualsiasi cosa avessi letto, perché non c’era luce, tunnel, nessuna figura religiosa, e non vedevo tutta la mia vita scorrere davanti ai miei occhi. Non sono mai stata molto religiosa e non credo ancora in nessuna particolare religione, ma l’esperienza che ho vissuto ha rafforzato la mia fede nella spiritualità e la mia fede in una vita dopo questa vita e, soprattutto, nel potere del nostro essere superiore o anima. ”

Nessun commento:

Posta un commento

Printfriendly

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...